domenica 1 febbraio 2009

Treccia al burro





Abitando vicino al confine svizzero spesso compro questa fantastica treccia (di origine Bernese) già pronta in panetteria.

Sulla strada del ritorno verso casa spero sempre di non trovare coda...altrimenti la povera treccia arriva sul tavolo della cucina già completamente sbranata!

E' impossibile resistere alla tentazione, infatti il delizioso profumo di burro emanato dalla treccia ancora calda invade l'auto e non lascia via di scampo alla treccia...che finisce in briciole all'istante!

a Natale mi sono regalata il robot della Kenwood (Kmix...la copia identica del Kichen Aid...il mio sogno proibito da circa un anno...proibito per via del prezzo!) trovato in super-mega offerta in un negozio svizzero...e quindi ho deciso di sperimentare la preparazione di questa treccia direttamente a casa con la nuova impastatrice.

Ovviamente l'impasto è fattibile anche a mano!...basta solo un pò più di tempo e forza nelle braccia!

Il sapore di questa treccia è leggermente dolciastro ma si sposa bene con salumi e formaggi oltre ovviamente alla crema di nocciole o al classico abbinamento burro e marmellata!




Ingredienti (per 1 treccia):




  • 500 gr di farina bianca o farina per treccia (farina di tipo forte)
  • 20 gr di lievito fresco
  • 2,5 dl di latte
  • 1 cucchiaiano di sale
  • 1 cucchiaiano di zucchero
  • 1 uovo
  • 80 gr di burro

+ 1 tuorlo (ma ne servirà anche meno! potete tenerne un pò da parte di quello utilizzato per l'impasto se utilizzate un uovo un pò grandino!) con un goccio di latte per la "lucidatura"

Preparazione:



  1. sciogliere il lievito nel latte tiepido e aggiungere il cucchiaino di zucchero
  2. aggiungere la farina setacciata lentamente insieme all'uovo leggermente sbattuto, il burro ammorbidito e infine il cucchiaino di sale
  3. lavorare il composto fino ad ottenere un impasto morbido
  4. far lievitare la pasta per circa 1 ora, coperta da un canovaccio pulito, in un luogo tiepido
  5. tagliare a metà l'impasto e formare 2 rotoli lunghi circa 60 cm
  6. avvitare i due rotoli (vedi disegno) come fossero una corda
  7. disporre la treccia così ottenuta su una teglia imburrata o su carta da forno e lasciarla lievitare ancora per circa 30 minuti
  8. spennellare la treccia con il tuorlo di un uovo mescolato ad un goccio di latte (o panna da caffè) e infornarla in forno già caldo a 220° per circa 35 minuti
  9. prima di affettarla aspettare che si raffreddi per evitare di romperla

L'INTRECCIO:



prima della lievitazione e dopo la lievitazione e la lucidatura finale



curiosità:
La treccia (Zopf) è la tipica pagnotta della domenica bernese.
Alcuni ne fanno risalire l'origine ad una tradizione secondo la quale le vedove si tagliavano parte della treccia per seppellirla con il marito. Con il passare del tempo, invece della treccia di capelli, veniva seppellita una treccia di pane. La treccia – o Züpfe in dialetto bernese – è conosciuta in Svizzera dalla metà del XV secolo.

Buona treccia a tutti!!!


Roby




27 commenti:

ღ Sara ღ ha detto...

che bontà!! con la Nutella poi!!! bellissima!

roby ha detto...

Grazie SARA!
si...in effetti...con la Nutella è a dir poco fantastica!

ines ha detto...

mi spaventa solo un po' intrecciarla, ma ci voglio provare, dev'essere fantastica. un bacione

Mirtilla ha detto...

un vero spettacolo,sei stata bravissima!!!!

Onde99 ha detto...

Questa treccia è di una bellezza sconvolgente!!! A me non vengono così belle...

Denise ha detto...

che spettacolo questa treccia!!! Se vuoi farla ripiena...vai nel mio blog a curiosare...e prova la variante!! CIao ciao!

michela ha detto...

Deliziosa.
Copio tutto.

manu e silvia ha detto...

cosa si può desiderare di meglio: una treccia al burro spalmata con una buona dose di nutella!!
un bacione

Mary ha detto...

ma questa è troppo fantastica e con la nutella che goduriaaaaa!

Mary ha detto...

ma questa è troppo fantastica e con la nutella che goduriaaaaa!

roby ha detto...

@@@ ciao INESSSSSS! l'intreccio non è poi così difficile!!! anch'io non avevo ben capito come fare...poi è arrivato mio marito..io tenevo la pasta e lui intrecciava...in due secondi FATTA LA TRECCIA!

@@@ ciao Mirtilla! grazie mille!!!

@@@ ciao ONDE!il bello è che non era solo bella (quello era il mio dubbio!)...era anche buona!!! l'interno, come si vede nella foto, era ben lievitato e soffice soffice...
da provare!

@@@ ciao Denise! vado subito a vedere la tua versione ripiena!!!

@@@ ciao Michela! copia pure!!! e poi fammi sapere come ti è venuta!

@@@ Manu e Silvia! in effetti con la nutella è davvero super goduriosa! al diavolo la dieta!

@@@ Mary! grazieeeeee! alle prossime ricette!

Roby

furfecchia ha detto...

Ciao! bellissima sul serio! Nonostante le istruzioni non so se sarei capace di intrecciare così bene l'impasto!!

Grazie per essere passata a trovarmi sul mio blog!

clamilla ha detto...

ellapeppa! è fantastica!!!!!
Brava!
Marty

Rorò ha detto...

Che buona!

(^__^)

rosy ha detto...

ciao mi chiamo rosy abito in ticino ,adoro la treccia della migros appena sfornata....delizia!!!

roby ha detto...

ciao Rosy! io vado sempre al Serfontana! Tappa obbligata treccia fumante della migros!!! E' vero...è buonissimissima!
questa che ho preparato io è praticamente identica...forse meno burrosa!

ciaooooo
Roby

Anonimo ha detto...

Wow deve essere buonissima!!
Vorrei tanto provarla, ma non penso di riuscire a trovare dalle mie parte la farina per trecce, cosa posso usare?
Silvia

p.s. Tantissimi complimenti per questo sito e le tue ricette, sei una super cuoca!!

roby ha detto...

grazie SILVIA!!!
una super cuoca??? ammazzate che complimentone! troppo buona!!!

dunque per questa preparazione se non trovi la farina per trecce (credo che non ci sia in Italia!) usa tranquillamente la MANITOBA!

e fammi sapere...

un abbraccio Roby

marina ha detto...

Cavolo, allora non sono l'unica ghiottona di trecce, oltre ai miei figli che la divorano! La faccio in casa da molti anni, ma non mi ero mai preoccupata dell'intreccio, che facevo a modo mio. Oggi voglio provare quello originale e...spero finalmente di avere un bel risultato!
PS E' la prima volta che scrivo in un blog!

roby ha detto...

Ciao Marina!
Ti ringrazio di aver visitato il mio blog e che tu abbia scelto proprio il mio blog per lasciare il tuo primo messaggio!!!
Grazie!
in effetti l'intreccio originale e' davvero carino e dona a questa treccia al burro un ottimo aspetto!
evviva la treccia al burro!!!
anche noi...l'adoriamo!
a presto
Roby

francesca ha detto...

ciao Roby! ciao a tutte!
avete mai provato la ricetta della treccia ma con lievito in polvere? Dove abito io non si trova quello fresco e avevo trovato un sito che dava entrambe le possibilita', ma non mi e' lievitata per niente. Premetto che sono alle prime armi quindi non so proprio dove ho sbagliato... troppo poco lievito oppure proprio non si puo' sostituirlo? Apprezzerei opinioni esperte...

Anonimo ha detto...

Ma per caso sei sponsorizzato dalla Nestlè ?

roby ha detto...

purtroppo no...ma non mi dispiacerebbe! ;-)

The Master ha detto...

Eccezionale ricetta, devo ammetterlo da ex fornaio! Mi sono permesso solo di alzare le quantità di lievito di 10gr e ho aumentato il latte (Vado a occhio per deformazione professionale) per ottenere un impasto "nuovola". Per il resto, nulla da eccepire! Perfetta come l'originale! E' la stessa ricetta che avevo imparato, insegnatami dal mio ex "boss" svizzero!

roby ha detto...

ciao!!! che onore ricevere i complimenti da un Ex fornaio e un intenditore di questa prelibatezza da forno svizzera! proverò anch'io ad aumentare un pochino il latte! per il lievito invece preferisco allungare un pò i tempi di lievitazione...per evitare il sapore troppo "invedente" del lievito! ma ogni consiglio è ovviamente ben accetto! grazie ancora!!!
Roby

Anonimo ha detto...

ciao a tutti.cerco questa ricetta da anni.ne ho provate tante,ma risultato deludente.la treccia al burro svizzera,e' un dolce ricordo della mia infanzia.la tua ricetta e' appetitosa.spero che sia la volta buona.complimenti .ciaoooooooo a tuttiiiiiiiiii

roby ha detto...

ciao! guarda da amante della Treccia svizzera ti confermo che la mia ricetta è davvero ottima! e infatti...da quando ho provato questo impasto la faccio spesso e non la compro più! Spero davvero, di cuore, che possa piacere anche a te! fammi sapere se la provi!
a presto
Roberta