lunedì 9 aprile 2012

Taralli pepe e mandorle























Adoro questi taralli...ogni volta che andavo a Tora e Piccilli, paesino in provincia di Caserta dove abitano i miei nonni materni, e dove, quando ero più giovane, passavo gran parte delle mie vacanze estive/natalizie/pasquali...ecco...me ne facevo una gran scorpacciata!
Croccanti...saporiti...e pieni di ricordi...ricordo appunto che li compravamo al mercato...li vendevano sfusi sulle bancarelle...ci facevamo riempire un mega bustone e poi GNAM...sparivano uno dietro l'altro...anche se mia mamma mi ripeteva sempre "non esagerare...son pieni di pepe"! e a dire il vero pepati...erano ben pepati...ma davvero troppo buoni!
Questi Taralli Napoletani sono conosciuti anche sotto il nome di Taralli "nzogna e pepe"...perchè oltre al pepe, all'interno, c'è anche una buona dose di strutto! All'interno ci sono anche le mandorle tritate che danno un ulteriore nota di sapore...e un paio di mandorle intere all'esterno di ogni biscotto...che dopo la cottura nel forno diventano ben tostate e saporitissime! Ricordo infatti che sul fondo del famoso bustone...rimanevano un pò di mandorle che ogni tanto si staccavano dal biscotto...ecco...quelle le recuperavo al volo e le facevo sparire immediatamente!
Ora a Tora non ci vado da anni...mi accontento di qualche tarallo che mi portano i miei genitori quando una volta all'anno, d'estate, vanno a trascorrere qualche settimana di ferie...
recentemente però ho trovato la ricetta e ho provato a farmeli da sola...che dire...buonissimi e praticamente quasi identici agli originali!
Se non li conoscete...ve li consiglio...provateli e ditemi se vi sono piaciuti!!!

Ingredienti:

  • 500 gr di farina 00
  • 15 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di pepe (la ricetta originale ne metteva un pò di piu' ma io ho preferito non esagerare!)
  • 1 cucchiaino di sale (10 gr)
  • 120 gr di strutto
  • 200 gr di mandorle non sbucciate
  • 200 ml circa di acqua



















Procedimento:
  1. Iniziate tritando 150 gr di mandorle (i restanti 50 gr verranno utilizzate intere per la decorazione dei biscotti) grossolanamente aiutandovi con una mezzaluna (foto 1)
  2. preparate ora il "lievitino" mettendo in una ciotola 50 ml di acqua dove farete sciogliere il lievito (foto 2) e poi aggiungete 50 gr di farina (foto 3) fino ad ottenere un impasto "molliccio" (foto 4). Coprite la ciotola con un pezzettino di carta trasparente per alimenti e lasciatelo lievitare per circa 1 ora (foto 5 - ecco come si presenta dopo la lievitazione)...ovviamente in estate i tempi di lievitazione si dimezzano!
  3. In un'altra ciotola versate il resto della farina, il sale, il pepe (foto 6), il lievitino, lo strutto e impastate...per ultimo aggiungete le mandorle precedentemente tritate fino ad ottenere un composto omogeneo ed elastico (foto 7) che farete lievitare per un'altra ora coperto da pellicola trasparente ...(foto 8 - ecco come risulta dopo la lievitazione)
  4. stendete ora, con l'aiuto del mattarello, l'impasto (foto 9) fino ad ottenere un grosso rettangolo e con un coltello tagliate delle striscettine di circa 1 cm di larghezza (foto 10)
  5. arrotolate ogni striscettina fino ad ottenere dei lunghi "serpentelli" che a 3 alla volta (foto 11) intreccerete (foto 12 - fermando all'inizio e alla fine ogni treccia)
  6. da ogni treccina ho ricavato 3 biscotti (foto 13) e via via così fino ad ultimare l'impasto...
  7. posizionate i biscotti su di una placca da forno rivestita di carta e decorate ogni biscotto con 1 mandorla bagnandola prima in una ciotolina con un pò d'acqua (foto 14) per evitare che dopo la cottura si stacchi! - spingete leggermente la mandorla sul biscotto fino a farla affondare un pochino (foto 15)
  8. prima di procedere alla cottura lasciateli lievitare ancora un pochino (foto 16) e poi infornate in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 15 minuti e poi a 150 per 30 minuti fino a quando non saranno ben dorati!
attenzione...uno tira l'altro!
  ...alla prossima ricetta!Roby :-)







8 commenti:

Mary ha detto...

Che buoni non vedevo questi biscotti da una vita , ho un'amica che li fa sempre purtroppo per diverse vicissitudine ci siamo persi di vista . Mi hai fatto pensare a lei vedendo questi biscotti,

Donaflor ha detto...

che meraviglia questi taralli a forma di treccia!
abbracci

marsettina ha detto...

sono ottimi!

Anonimo ha detto...

complimenti, sei bravissima!!!
Lucia

Anonimo ha detto...

E lo strutto quando lo devo aggiungere?

roby ha detto...

ops...scusatemi! avevo omesso l'aggiunta dello strutto nel procedimento (lo integro subito)...comunque lo strutto va aggiunto insieme alla farina e al lievitino (quando si inizia a lavorare appunto l'impasto - foto 6 insomma) grazie per avermi fatto notare la "svista". Roby

lorenza.zanella75@gmail.com ha detto...

Non hai omesso nulla ...la ricetta e perfetta....e i taralli buonissimi!!:-)

roby ha detto...

Ciao LORENZA...felice che ti sia piaciuta la mia ricetta!
a presto
Roby